06.88644843   : 06.8860495  
home /

News

SCIARE IN SICUREZZA CON LE NORME UNI
12/03/2010
SCIARE IN SICUREZZA CON LE NORME UNI
L’Italia vanta una riguardevole considerazione a livello internazione per la qualità gli impianti sciistici e detiene un primato di sicurezza ottimale di tali impianti. Sono numerosi infatti gli appassionati che ogni anno amano sciare sulle piste italiane considerate oramai all’avanguardia dagli oltre 2 milione e mezzo di sciatori che ogni anno trascorrono almeno una settimana sulle nevi di cui il 45% è costituito da stranieri.
UNI CEI EN ISO 14971:2009 GESTIONE DEI RISCHI NEI DISPOSITIVI MEDICI
11/03/2010
UNI CEI EN ISO 14971:2009 GESTIONE DEI RISCHI NEI DISPOSITIVI MEDICI
Il prossimo 21 marzo 2010 entra inderogabilmente in vigore la edizione del 2009 della norma UNI CEI EN ISO 14971 già pubblicata nel 2004 e attinente la gestione dei rischi nei dispositivi medici. Fino a tale termine, così come rappresentato dallo schema  della figura 1, la norma ha validità sia nella pregressa edizione del 2004 che in quella del 2009 al fine di consentire un trasferimento graduale tra le due edizioni e di garantire i necessari aggiornamenti dei dossier tecnici redatti dai produttori di dispositivi medici.
NUOVE ESIGENZE NELLA PRODUZIONE DI SUPPORTI OTTICI DIGITALI
01/03/2010
NUOVE ESIGENZE NELLA PRODUZIONE DI SUPPORTI OTTICI DIGITALI
La popolarità e la diffusione dei supporti ottici digitali, DVD e Compact disc, si è fortemente consolidata negli ultimi anni sia nel settore professionale che in quello di consumo domestico, superando ben oltre 550 milioni di supporti ottici venduti in tutto il mondo per un fatturato di oltre 20 miliardi di dollari.   L’attività normativa nell’ambito del salvataggio dei dati informatici su supporti ottici ha avuto inizio nel 1983 in occasione del seminario Optical data Storage. Nei due anni successivi ha avuto vita il primo comitato tecnico ISO.
ISO 22005:2008 Rintracciabilità nelle filiere agroalimentari
06/02/2010
ISO 22005:2008 Rintracciabilità nelle filiere agroalimentari
La norma ISO 22005:2008 "Rintracciabilità nelle filiere agroalimentari - Principi generali e requisiti di base per progettazione di sistemi e attuazione", ha soppiantato le norme nazionali di rintracciabilità di filiera (UNI 10939:2001) e di rintracciabilità aziendale (UNI 11020:2002) e costituisce l’ultimo anello in materia di sicurezza alimentare la cui attività ebbe inizio già a partire dal 2005.
UNI EN-15038:2006 Translation Service Provider
01/02/2010
UNI EN-15038:2006 Translation Service Provider
La norma UNI EN 15038:2006, approvata dal Comitato Europeo di Normalizzazione (CEN) il 13 aprile 2006 e pubblicata ufficialmente a maggio del 2006, ripercorre in parte le procedure inerenti al controllo di qualità descritte nella norma ISO 9001:2000 e meglio definite nella versione del 2008 ed interessa le “caratteristiche che devono possedere i TSP (Translation Service Provider)  in merito alle risorse umane e tecnologiche, alla gestione della qualità e del processo, alle condizioni contrattuali e alle procedure seguite nella esecuzione del servizio.”
L’ATTIVITA’ NORMATIVA DEL COMITATO ISO/TC 42: DALLA CHIMICA AI PIXEL, DA HELMUT NEWTON A STEVE McCURRY.
27/01/2010
L’ATTIVITA’ NORMATIVA DEL COMITATO ISO/TC 42: DALLA CHIMICA AI PIXEL, DA HELMUT NEWTON A STEVE McCURRY.
Ricordo che da ragazzo avevo una camera oscura in cui sviluppavo pellicole e stampavo fotografie secondo il processo chimico. Nulla allora lasciava presagire che da li a poco il mercato della fotografia si sarebbe rapidamente sovvertito in ragione delle tecnologie digitali. A partire dalla metà degli anni ’90 le industrie del settore iniziavano infatti a produrre i primi apparecchi digitali che nell’arco di pochi anni avrebbero soppiantato le tradizionali macchine fotografiche a pellicola.
ISO 22717-8:2009,  ISO 21148-50:2009, ISO 18416:2009  – che bellezza di norme!
25/01/2010
ISO 22717-8:2009, ISO 21148-50:2009, ISO 18416:2009 – che bellezza di norme!
Parliamoci chiaro: la bellezza è il motore delle relazioni sociali. In maniera altrettanto determinante pare essa abbia un peso decisivo anche negli equilibri economici. Gli enormi sforzi rivolti all’apparire - che nell’immediato francamente gratificano e divertono molto più di quelli dell’essere - non possono non essere bilanciati e sostenuti da un’altrettanta attenzione e cura da parte degli addetti del settore cosmesi. ? ingente infatti il numero di scienziati che da anni dedicano alla bellezza un’alacre e costosa ricerca volta a contrastare i fuggevoli inestetismi ma anche, più semplicemente, a valorizzare una figura già più che gradevole.
ISO 24801-1: UN TUFFO DOVE L’ACQUA E’ PIU’ BLU. QUALITA’ E SICUREZZA NELLE IMMERSIONI SUBACQUEE
21/01/2010
ISO 24801-1: UN TUFFO DOVE L’ACQUA E’ PIU’ BLU. QUALITA’ E SICUREZZA NELLE IMMERSIONI SUBACQUEE
Gli standard ISO si pongono come obiettivo comune quello di proporre una guida accettata a livello internazionale per fissare dei requisiti. Con l’incedere di una sempre maggior richiesta di strutture adibite alle immersioni subacquee, professionali e non, presenti sia all’interno della Comunità Europea che al di fuori, si è ritenuto necessario redigere una norma in cui far confluire i principali requisiti in ambito di sicurezza, professionalità e formazione a cui i Diving Center dovranno rispondere.
Regione Marche – Contributi alle PMI per la certificazione
21/01/2010
Regione Marche – Contributi alle PMI per la certificazione
La Camera di Commercio di Ancona eroga contributi per l’acquisizione di servizi finalizzati all’acquisizione di certificazioni ISO 14001, SA 8000, EMAS (Regolamento C.E. n. 761/2001) disciplinati dal regolamento disponibile in download direttamente sul nostro sito web. Le piccole e medie imprese interessate dovranno dimostrare di avere almeno una sede operativa nella provincia di Ancona, di essere iscritte al REA, di essere in regola con il pagamento annuo, di non aver subito protesti e di non aver presentato analoghe richieste di sovvenzioni ad altri Enti pubblici.
WELCOME: la ricerca della Qualità
19/01/2010
WELCOME: la ricerca della Qualità
Difficilmente avrei immaginato di scrivere in uno spazio interamente dedicato alla qualità in ambito normativo, le mie impressioni su un film. Di fatto questo intervento non vuole essere una recensione, tantomeno una forzatura per “parlar d’altro” (che suona sempre molto moderno), ma molto più semplicemente uno spunto di riflessione sulla “qualità”, intesa in un senso più ampio e soprattutto meno tecnico.
Sulla scia della UNI 11321: fitness di qualità
18/01/2010
Sulla scia della UNI 11321: fitness di qualità
L’articolo pone in rilievo il ruolo centrale svolto dal fitness,  sostanzialmente differenziato dallo sport tout court per l’assenza dell’elemento agonistico, rivolto dunque ad un vastissimo ed eterogeneo pubblico alla ricerca di un’attività che sia soprattutto divertente quanto dinamica, finalizzata esclusivamente al “mantenersi in forma”.
ACCREDIA: Ente unico italiano di accreditamento
11/01/2010
ACCREDIA: Ente unico italiano di accreditamento
A seguito dell’accettazione da parte dei Ministeri dell’Economia e dello Sviluppo coinvolti nei decreti applicativi della Legge 99/2009 e del Reg. CE 765/2008, ACCREDIA, nato dalla fusione di SINAL e SINCERT, è stato insignito del ruolo di pubblica autorità come Ente Unico italiano di accreditamento per i settori interessati dagli Accordi internazionali di mutuo riconoscimento per gli organismi di certificazione e ispezione ed i laboratori di prova.
QUALITY ITALIA ENTE ACCREDITATO ACCREDIA SGQ ISO 9001:2008 NEI SETTORI EA 28 e EA 29a
11/01/2010
QUALITY ITALIA ENTE ACCREDITATO ACCREDIA SGQ ISO 9001:2008 NEI SETTORI EA 28 e EA 29a
Abbiamo il piacere di comunicare che con delibera del 15 dicembre 2009 di ACCREDIA (http://www.accredia.it/UploadDocs/446_DeliberaCdA15_12_2009BIS.pdf) , già SINAL- SINCERT, L’Ente di Certificazione Quality Italia è stato accreditato SGQ ISO 9001:2008 nei seguenti settori merceologici:   EA 28 “Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi” EA 29° “Commercio all’ingrosso, al dettaglio e intermediari del commercio”
ISO 16001: una migliore gestione delle fonti energetiche
14/12/2009
ISO 16001: una migliore gestione delle fonti energetiche
Sulla base di due fondamentali supporti normativi quali la UNI EN ISO 9001 applicata ai sistemi di gestione per la qualità e la UNI EN ISO 14001 attinente i sistemi di gestione ambientale, nasce la UNI EN ISO 16001, "Energy management systems - Requirements with guidance for use", una norma che propone un processo normativo finalizzato a un uso più metodico e a una migliore gestione delle energie.
NASCE LA UNI EN ISO 10862:2009, SICUREZZA TRA LE ONDE
09/12/2009
NASCE LA UNI EN ISO 10862:2009, SICUREZZA TRA LE ONDE
Nonostante la vela sia tra gli sport acquatici  più sicuri,  inaspettatamente, ogni anno un elevato numero di natanti sono coinvolti in incidenti a volte mortali causati dalle funi del trapezio. Il trapezio è un sistema di imbracatura utilizzato nelle piccole imbarcazione da regata di lunghezza massima fino a sei metri che viene utilizzato per controbilanciare l’energia del vento sulle vele, consentendo al natante di orientare le vele tenendosi in equilibrio fuori dal’imbarcazione.
UNI ISO 26000, I SIDACATATI COINVOLTI NEL CORO: RESPONSABILITÀ ETICA E SOCIALE.
30/11/2009
UNI ISO 26000, I SIDACATATI COINVOLTI NEL CORO: RESPONSABILITÀ ETICA E SOCIALE.
Entro la fine del prossimo anno l’International Organization for Standardization prevede la pubblicazione della UNI ISO 26000, una norma internazionale dedicata a quelle organizzazioni pubbliche, private o no-profit, che intendano adottare un comportamento economico, sociale e ambientale responsabile. Il processo normativo affronta i punti cardine ponendo attenzione al rispetto dei diritti umani, dei sindacati e dell'ambiente. Un’impresa potrà dunque essere considerata positivamente se saprà assicurare un adeguato livello di attenzione su tali valori etici e sociali nell’erogazione dei propri servizi e nella produzione dei beni.
UNI EN 509:2008: MA CHE FREDDO FA.
23/11/2009
UNI EN 509:2008: MA CHE FREDDO FA.
“La notte adesso scende con le sue mani fredde su di me, ma che freddo fa ” cantava Nada, evidentemente perché la sua casa così come molte altre abitazione non poteva vantare la presenza di un camino. Per questa ragione, per sopperire a tale carenza, numerose aziende con regolarità e capillare distribuzione, producono ed installano camini e stufe ad effetto decorativo alimentate a gas naturale o GPL, (Gas di Petrolio Liquefatto).
UNI, classificazione acustica degli edifici:una norma contro i decibel molesti.
19/11/2009
UNI, classificazione acustica degli edifici:una norma contro i decibel molesti.
La Uni viene in soccorso agli spinosi contrasti quotidiani provocati dal rumore. E' prossima, infatti, la pubblicazione da parte dell’UNI di una norma integralmente dedicata alla classificazione acustica dei complessi edilizi, prescrizione che incontrerà grandi ripercussioni e attenzioni da parte degli operatori del settore edile. Infatti, in base alle disposizioni riportate in tale norma identificabile con il codice U20001500 dal titolo Acustica - Classificazione acustica degli edifici, si proporranno nuovi criteri di valutazione atti a definire i requisititi acustici degli edifici, consentendo così d’informare preventivamente i futuri fruitori sulle caratteristiche della costruzione.
ISO, OHSAS, EMAS II: nuove sovvenzioni per le imprese della Regione Umbria (Bando Certificazioni 2009).
16/11/2009
ISO, OHSAS, EMAS II: nuove sovvenzioni per le imprese della Regione Umbria (Bando Certificazioni 2009).
Il 9 ottobre 2009, la Regione Umbria, in attuazione di quanto previsto dal programma degli interventi della legge regionale n. 21/2002, art. 4,  ha emanato un bando attinente la presentazione di domande per la richiesta di contributi per le piccole e medie imprese[1] umbre in procinto d’introdurre sistemi di gestione aziendale certificati, anche integrati, e fra loro disciplinati da normative nell’ambito della qualità (ISO 9001:2008 e sue declinazioni), della sicurezza e della responsabilità sociale (ISO 18001:2007 e SA 8000:2008) e dell’ambiente (ISO 14001:2004 e EMAS II).
PREVISIONE E MANTENIMENTO DEI TRAGUARDI: NASCE LA ISO 9004:2009
11/11/2009
PREVISIONE E MANTENIMENTO DEI TRAGUARDI: NASCE LA ISO 9004:2009
Lunedì 2 novembre l’ISO ha pubblicato la norma ISO 9004:2009 che si presenta come il superamento della precedente ISO 9004:2000. Alla sua prima edizione, la norma ISO 9004:2000 già si proponeva degli obiettivi decisamente più ambiziosi rispetto alla sorella minore ISO 9001:2000, rivolgendosi a quelle organizzazioni che intendessero prendere in esame l’efficacia, l’efficienza e il miglioramento delle proprie prestazioni, sviluppando in ogni parte i contenuti già editi nei punti ad essi dedicati già presenti nella ISO 9001:2000.