06.88644843   : 06.8860495  
home / news /

MANTA, IL CATAMARANO CHE SALVERÀ I MARI DALLA PLASTICA

MANTA, IL CATAMARANO CHE SALVERÀ I MARI DALLA PLASTICA

Notizia pubblicata in data 22-04-2018

 

Le nuove tecnologie al servizio del benessere del pianeta, il riciclo dei rifiuti in plastica e l’ecosostenibilità, sono tra i principi che ispirano un ambizioso progetto presentato di recente a Parigi. Per ora si tratta di un prototipo di catamarano in scala 1/10 ma presto potrà essere un’imbarcazione in grado di raccogliere i rifiuti in plastica che galleggiano sulla superficie dei nostri mari. Dopo una lunga progettazione, il modello ha infatti raccolto fondi sufficienti e, dal prossimo inverno, sarà pronto per essere messo in mare e collaudare il processo di raccolta.

Manta, questo il nome dell’imbarcazione, misurerà 70 metri di lunghezza e 49 di larghezza, sarà alimentata grazie a vele e turbine eoliche e, attraverso un sofisticato sistema di tapis roulant, sarà in grado di raccogliere fino a 250 tonnellate di rifiuti in plastica prima di approdare in un porto a scaricarli. Un sistema di onde radar, infine, allontanerà i pesci oltre la traiettoria di raccolta al fine d’evitarne la cattura accidentale.

È davvero impressionante la quantità di rifiuti che contaminano i nostri mari. Il 95% della plastica proviene dai dieci fiumi più inquinanti della terra,  che ogni anno riversano nei mari e negli oceani oltre 8 milioni di tonnellate di plastica.

Questo progetto ha forti analogie con quello del catamarano svizzero “Race for Water”, un vero e proprio laboratorio galleggiante ad energia solare e idrogeno che sta solcando gli oceani per studiare e monitorare l’inquinamento, e per sollecitare l’attenzione sulle cause di quello derivante dalla plastica.

“Race for the water” è anche il nome della fondazione che nel 2015 aveva mostrato come fosse possibile fare il giro della terra con l'unica propulsione dell'energia solare. Grazie a questo progetto recentemente sono state concluse importanti ricerche sui fondali marini e sulle loro condizioni ecologiche e oggi, attraverso soluzioni innovative, gli scienziati hanno la possibilità di scambiarsi esperienze in relazione alla gestione e alle condizioni delle acque.  

Dopo una preparazione durata due anni, il team ha avviato un’impresa che toccherà trentacinque mete entro il 2021 sfruttando l’energia prodotta da due pannelli solari di 500 metri quadrati installati sul ponte e da altre due fonti di energia pulita: un sistema di propulsione con l'idrogeno estratto dall'acqua di mare e una vela da kite surf di 40 metri quadrati.  

Due missioni di speranza e studio, quindi, perché si faccia di più per i mari, soffocati dall'inquinamento e dalla plastica, che mirano anche a dimostrare che, se ben impiegate, le tecnologie possono guidarci verso uno sviluppo sostenibile del pianeta.

 

Francesco Bennardis

Quality Italia Srl.

Immagine in apertura: il catamarano Manta

 

Notizia pubblicata in data 22-04-2018